Volume 4

Edizione Giuntina
   
GIORGIONE DA CASTELFRANCO
   
PITTOR VINIZIANO.
    Ne' medesimi tempi che Fiorenza acquistava tanta fama per l'opere
    di Lionardo, arrecò non piccolo ornamento a Vinezia la virtù et ec-
5   cellenza [d'] un suo cittadino, il quale di gran lunga passò i Bellini,
    da loro tenuti in tanto pregio, e qualunque altro fino a quel tempo
    avesse in quella città dipinto. Questi fu Giorgio, che in Castelfranco
    in sul Trevisano nacque l'anno 1478, essendo doge Giovan Mozeni-
    go, fratel del doge Piero, dalle fattezze della persona e da la grandezza
- pagina 41 -

Edizione Torrentiniana
10  
GIORGIONE DA CASTELFRANCO
   
PITTOR VENIZIANO.
    Quegli che con le fatiche cercano la virtù, ritrovata che l'hanno, la
    stimano come vero tesoro e ne diventano amici, né si partono già mai da
    essa; con ciò sia che non è nulla il cercare delle cose, ma la difficultà è, poi
15   che le persone l'hanno trovate, il saperle conservare et accrescere. Per
    che ne' nostri artefici si sono molte volte veduti sforzi maravigliosi di
    natura nel dar saggio di loro, i quali per la lode montati poi in superbia,
    non solo non conservano quella prima virtù che hanno móstro e con diffi-
    cultà messo in opera, ma mettono, oltra il primo capitale, in bando la
20   massa degli studî nell'arte da principio daùllor cominciati, dove non
    manco sono additati per dimenticanti ch'e' si fossero da prima per
    stravaganti e rari e dotati di bello ingegno. Ma non già così fece il nostro
    Giorgione, il quale imparando senza maniera moderna, cercò nello stare
    co' Bellini in Venezia, e da sé, di imitare sempre la natura il più che e'
25   poteva; né mai per lode che e' ne acquistasse intermisse lo studio suo,
    anzi quanto più era giudicato eccellente da altri, tanto pareva aùllui
    saper meno quando a paragone delle cose vive considerava le sue pitture,
    le quali, per non essere in loro la vivezza dello spirito, reputava quasi
    nonnulla. Per il che tanta forza ebbe in lui questo timore, che la-
30   vorando in Vinegia fece maravigliare non solo quegli che nel suo tempo
    furono, ma quegli ancora che vennero dopo lui.
    Ma perché meglio si sappia l'origine et il progresso d'un maestro tanto
    eccellente, cominciando da' suoi principii, dico che in Castelfranco in
    sul Trevisano nacque l'anno MCCCCLXXVII Giorgio, dalle fattezze
35   della persona e da la grandezza dell'animo chiamato poi col tempo
- pagina 41 -
pagina precedentepagina successiva

Selezione esplicita di una pagina

Volume:
Pagina:
Testi Consultabili | Indice dell'Opera | Nuova Ricerca | Legenda