Volume 4

Edizione Giuntina
   
VITA DI DOMENICO PULIGO.
   
PITTORE FIORENTINO.
    È cosa maravigliosa, anzi stupenda, che molti nell'arte della pit-
    tura, nel continuo esercitare e maneggiare i colori, per instinto di
5   natura o per un uso di buona maniera presa senza disegno alcuno o
    fondamento, conducono le cose loro a sì fatto termine che elle si
    abbattono molte volte a essere così buone che, ancorché gl'artefici
    loro non siano de' rari, elle sforzano gl'uomini ad averle in somma
    venerazione e lodarle. E si è veduto già molte volte, et in molti nostri
10   pittori, che coloro fanno l'opere loro più vivaci e più perfette i quali
    hanno naturalmente bella maniera e si esercitano con fatica e studio
    continuamente; perché ha tanta forza questo dono della natura, che
    benché costoro stracurino e lascino gli studî dell'arte, et altro
    non seguino che l'uso solo del dipignere e del maneggiare i colori
15   con grazia infuso dalla natura, apparisce nel primo aspetto dell'opere
    loro ch'elle mostrano tutte le parti eccellenti e maravigliose che so-
    gliono minutamente apparire ne' lavori di que' maestri che noi tenghiamo
- pagina 247 -

Edizione Torrentiniana
   
DOMENICO PULIGO.
   
PITTORE FIORENTINO.
20   Di grandissima maraviglia e di stupendissimo miracolo mi paiono molti
    nell'arte nostra, che nel continuo esercitare e praticare i colori, per uno
    instinto di natura e per uno uso di buona maniera presa da quegli,
    senza disegno alcuno o fondamento dell'arte conducono le cose loro a sì
    fatto termine che elle si abbattono molte volte ad essere sì buone che,
25   ancora che gli artefici di quelle non siano de' rari, elle sforzano gli uo-
    mini a tener conto di loro e delle fatiche spese da essi in tale esercizio.
    E nel vero e' si è visto già molte volte et in molti nostri pittori che,
    se coloro che hanno naturalmente bella maniera si vogliono esercitare
    con fatica e studio continovo, fanno l'opere loro più vivaci e più perfette
30   che gli altri; e ha tanta forza questo dono della natura, che benché e'
    trascurino e lascino gli studî di tale arte, et altro non seguino che l'uso
    solo del dipignere e del maneggiare i colori con grazia e fumeggiata ma-
    niera, il buono tuttavolta in loro infuso dalla natura apparisce sì nel
    primo aspetto delle opere loro, che elle mostrano tutte le parti eccellenti
35   e maravigliose che sogliono minutamente apparire ne' lavori di que'
- pagina 247 -
pagina precedentepagina successiva

Selezione esplicita di una pagina

Volume:
Pagina:
Testi Consultabili | Indice dell'Opera | Nuova Ricerca | Legenda