Volume 4

Edizione Giuntina
   
VITA DI LIONARDO DA VINCI.
   
PITTORE E SCULTORE FIORENTINO.
    Grandissimi doni si veggono piovere dagli influssi celesti ne' corpi
    umani, molte volte naturalmente, e sopranaturali talvolta; straboc-
5   chevolmente accozzarsi in un corpo solo bellezza, grazia e virtù, in
    una maniera che, dovunque si volge quel tale, ciascuna sua azzione
    è tanto divina, che lasciandosi dietro tutti gl'altri uomini, manifesta-
    mente si fa conoscere per cosa, come ella è, largita da Dio e non acqui-
    stata per arte umana. Questo lo videro gli uomini in Lionardo
10   da Vinci, nel quale oltra la bellezza del corpo, non lodata mai aba-
    stanza, era la grazia più che infinita in qualunque sua azzione; e
    tanta e sì fatta poi la virtù, che dovunque l'animo volse nelle cose
    difficili, con facilità le rendeva assolute. La forza in lui fu molta, e
    congiunta con la destrezza, l'animo e 'l valore sempre regio e magna-
15   nimo; e la fama del suo nome tanto s'allargò, che non solo nel suo
    tempo fu tenuto in pregio, ma pervenne ancora molto più ne' posteri
    dopo la morte sua.
- pagina 15 -

Edizione Torrentiniana
   
LIONARDO DA VINCI.
   
PITTORE E SCULTORE FIORENTINO.
20   Grandissimi doni si veggono piovere dagli influssi celesti ne' corpi umani,
    molte volte naturalmente, e sopranaturali talvolta; strabocchevolmente
    accozzarsi in un corpo solo bellezza, grazia e virtù, in una maniera che
    dovunque si volge quel tale, ciascuna sua azzione è tanto divina, che
    lasciandosi dietro tutti gli altri uomini, manifestamente si fa conoscere
25   per cosa, come ella è, largita da Dio e non acquistata per arte umana.
    Questo lo videro gli uomini in Lionardo da Vinci, nel quale oltra la bel-
    lezza del corpo, non lodata mai abastanza, era la grazia più che infinita
    in qualunque sua azzione; e tanta e sì fatta poi la virtù, che dovunque
    lo animo volse nelle cose difficili, con facilità le rendeva assolute. La
30   forza in lui fu molta, e congiunta con la destrezza, l'animo e 'l valore
    sempre regio e magnanimo; e la fama del suo nome tanto s'allargò, che
    non solo nel suo tempo fu tenuto in pregio, ma pervenne ancora molto
    più ne' posteri dopo la morte sua. E veramente il Cielo ci manda talora
    alcuni che non rappresentano la umanità sola, ma la divinità istessa,
- pagina 15 -
pagina precedentepagina successiva

Selezione esplicita di una pagina

Volume:
Pagina:
Testi Consultabili | Indice dell'Opera | Nuova Ricerca | Legenda