Volume 3

Edizione Giuntina
    e pratico nel disegno, che più tosto avanza che sia inferiore al
    Moro. Ma perché non è di mia intenzione parlare al presente de'
    vivi, voglio che mi basti, come dissi nel principio di questa Vita,
    avere in questo luogo d'alcuni ragionato, de' quali non ho potuto
5   sapere così minutamente la vita et ogni particolare, acciò la virtù e '
    meriti loro da me abbiano almeno tutto quel poco che io, il quale
    molto vorrei, posso dar loro.
- pagina 627 -

Edizione Torrentiniana
    D'Angelo suo genero, il quale e nel colorito e nel disegno e nella diligenzia
    l'avanza infinitamente. Ma perché una parte di costoro sono ancor vivi,
10   e faranno forse cose molto migliori, altra penna e giudizio più saldo
    renderà loro quelle lode che non gli ho saputo dare io, che me li passo in
    questa maniera, né mi curo dire altrimenti dove o quando morissero
    que' che son morti, né quello che e' si guadagnassero; attesoché eglino
    con buona comodità in quella provincia si contentarono di operare, et in
15   essa parimente vivere e morire.
- pagina 627 -
pagina precedentepagina successiva

Selezione esplicita di una pagina

Volume:
Pagina:
Testi Consultabili | Indice dell'Opera | Nuova Ricerca | Legenda