Volume 2

Edizione Giuntina
   
VITA D'AMBRUOGIO LORENZETTI
   
PITTOR SANESE.
    Se è grande, come è senza dubbio, l'obligo che aver deono alla na-
    tura gl'artefici di bello ingegno, molto maggior doverebbe essere il
5   nostro verso loro, veggendo ch'eglino con molta solecitudine riem-
    piono le città d'onorate fabriche e [d'] utili e vaghi componimenti di
    storie, arrecando a se medesimi il più delle volte fama e ricchezze
    con l'opere loro, come fece Ambruogio Lorenzetti pittor sanese, il
    quale ebbe bella e molta invenzione nel comporre consideratamente
10   e situare in istoria le sue figure. Di che fa vera testimonianza in Siena
    ne' Frati Minori una storia da lui molto leggiadramente dipinta nel
    chiostro, dove è figurato in che maniera un giovane si fa frate et in
    che modo egli et alcuni altri vanno al Soldano, e quivi sono
    battuti e sentenziati alle forche et impiccati a un albero e finalmente
15   decapitati, con la sopragiunta d'una spaventevole tempesta. Nella
    quale pittura con molt'arte e destrezza contrafece il rabbuffamento
    dell'aria, e la furia della pioggia e de' venti ne' travagli delle figure,
- pagina 179 -

Edizione Torrentiniana
   
AMBRUOGIO LORENZETTI
   
PITTOR SANESE.
20   Grandissima senza dubbio è l'obligazione che doverebbono aver del con-
    tinuo alla natura et al cielo gli artefici di bellissimo ingegno, ma molto
    più grande doverebbe esser la nostra verso loro veggendo ch'eglino con
    tanta sollecitudine riempiono tutte le città di proporzionatissime fabri-
    che e di vaghissimi componimenti, e s'arrecano il più delle volte grandis-
25   sima fama e grandissime ricchezze nelle case loro non togliendosi punto
    dall'arte: la qual cosa veramente mise in esecuzione Ambruogio Lo-
    renzetti pittor sanese, il quale fu inventore molto considerato nel com-
    porre e situare in istoria le sue figure. Di che ne fa vero testimonio in
    Siena ne' Frati Minori una istoria leggiadrissimamente dipinta da lui
30   che tien tutta la facciata d'un chiostro,figurando in quella in che maniera
    un giovane si fa frate et in che modo egli et alcuni altri vanno al Solda-
    no, e quivi sono battuti e sentenziati alle forche et impiccati ad uno albero
    e finalmente decapitati, con la sopragiunta d'una orrenda e spaventevole
    tempesta. Nella qual pittura con molta arte contrafece destrissimamente
35   il rabbaruffamento dell'aria, e la furia della pioggia e de' venti ne' travagli
- pagina 179 -
pagina precedentepagina successiva

Selezione esplicita di una pagina

Volume:
Pagina:
Testi Consultabili | Indice dell'Opera | Nuova Ricerca | Legenda