Volume 2

Edizione Giuntina
   
VITA DI PIETRO LAURATI
   
PITTORE SANESE.
    Pietro Laurati, eccellente pittor sanese, provò vivendo quanto gran
    contento sia quello dei veramente virtuosi che sentono l'opere loro
5   essere nella patria e fuori in pregio e che si veggiono essere da tutti gli
    uomini disiderati, perciò che nel corso della vita sua fu per tutta To-
    scana chiamato e carezzato, avendolo fatto conoscere primieramente
    le storie che dipinse a fresco nella Scala, spedale di Siena, nelle quali
    imitò di sorte la maniera di Giotto divolgata per tutta Toscana che
10   si credette a gran ragione che dovesse, come poi avvenne, divenire
    miglior maestro che Cimabue e Giotto e gli altri stati non erano;
    perciò che le figure che rappresentano la Vergine quando
    ella saglie i gradi del tempio accompagnata da Giovachino e da Anna
- pagina 143 -

Edizione Torrentiniana
   
PIETRO LAURATI
15  
PITTOR SANESE.
    Grandissimo contento pruova certamente un pittore, o qualsivoglia al-
    tro raro ingegno, essendo chiamato fuori della patria sua per onorar l'al-
    trui; e se per adventura quella truova più nobile di costumi e d'ingegni
    e di facultà, incontinente tutto si riempie di gioia in vedersi premiare,
20   accarezzare e largamente onorare. Per che può veramente costui
    felicissimo riputarsi, considerando molti nella propria patria, per eccel-
    lenti che siano, esser poco stimati e quasi da ciascuno vilmente il più
    delle volte negletti senza ricevere premio o vedere alcun segno d'onore,
    e per lor mala disgrazia umili e senza nome alcuno abietti giacersi,
25   ricevendo tutto il contrario d'ogni loro merito: ancora che ciò non avve-
    nisse in maniera alcuna a Pietro Laurati pittor sanese, il quale mentre
    che visse opere lodevoli facendo, primieramente ornò et onorò Siena sua
    patria, indi molte altre città di Toscana. E prima alla Scala, spedale di
    Siena, dipinse in fresco due storie imitando la maniera di Giotto, già per
30   tutta Toscana da infiniti maestri divulgata, come di quel millesimo oggi
    ancora assai numero in diversi luoghi si vede. Dimostrò nel suo lavo-
    rare in queste due storie una pratica grande e maestrevolmente risoluta
    molto più che Cimabue e Giotto e gli altri stati sino a quel tempo.
    Vedesi in dette figure quando la Vergine Maria saglie i gradi del
- pagina 143 -
pagina precedentepagina successiva

Selezione esplicita di una pagina

Volume:
Pagina:
Testi Consultabili | Indice dell'Opera | Nuova Ricerca | Legenda