Volume 1

Edizione Giuntina
    carboni di cerro e si accende ordinariamente. Nel vòto che è
    restato sotto il predetto coperchio, in su una sottilissima piastra di
    ferro si mette la cosa smaltata a sentire il caldo a poco a poco, e vi si
    tiene tanto che, fondendosi, gli smalti scorrino per tutto quasi come
5   acqua. Il che fatto si lascia rafreddare, e poi con una frassinella,
    ch'è una pietra da dare filo ai ferri, e con rena da bicchieri si sfrega
    e con acqua chiara, finché si truovi il suo piano. E quando è finito di
    levare il tutto, si rimette nel fuoco medesimo, acciò il lustro, nello
    scorrere l'altra volta, vada per tutto.
10   Fassene d'un'altra sorte a mano che si pulisce con gesso di Tripoli
    e con un pezzo di cuoio, del quale non accade fare menzione; ma di
    questo l'ho fatto, perché, essendo opra di pittura come le altre, m'è
    paruto a proposito.
   
CapitoloXXXIIII
15  
Della tausìa, cioè lavoro a la damaschina.
    Hanno ancora i moderni, ad imitazione degli antichi, rinvenuto
    una spezie di commettere ne' metalli intagliati d'argento o d'oro,
- pagina 168 -

Edizione Torrentiniana
    Nel vòto che è restato sotto il predetto coperchio, in una sottilissima
    piastra di ferro si mette la cosa smaltata a sentire il caldo a poco a
20   poco, e vi si tiene tanto che, fondendosi, gli smalti scorrino per tutto
    quasi come acqua. Il che fatto si lascia rafreddare, e poi con una frassi-
    nella, ch'è una pietra da dare filo ai ferri, con rena da bicchieri si sfrega
    e con acqua chiara, finché si truovi il suo piano. E quando è finito di
    levare il tutto, si rimette nel fuoco medesimo, che il lustro, nello
25   scorrere l'altra volta, gli dà per tutto.
    Fassene d'un'altra sorte a mano che si pulisce con gesso di Tripoli e
    con un pezzo di cuoio, del quale non accade fare menzione; ma di questo
    l'ho fatto, perché, essendo opra di pittura come le altre, m'è paruto a
    proposito.
30  
CapitoloXXXIIII
   
Della tausìa, cioè lavoro a la damaschina.
    Hanno ancora i moderni, ad imitazione degli antichi, rinvenuto una
    spezie di commettere ne' metalli intagliati d'argento o d'oro, faccendo
- pagina 168 -
pagina precedentepagina successiva

Selezione esplicita di una pagina

Volume:
Pagina:
Testi Consultabili | Indice dell'Opera | Nuova Ricerca | Legenda