Volume 1

Edizione Giuntina
   
CapitoloXXX
   
Dell'istorie e delle figure che si fanno di commesso ne' pavimenti
   
ad imitazione delle cose di chiaro e scuro.
    Hanno aggiunto i nostri moderni maestri al musaico di pezzi
5   piccoli un'altra specie di musaici di marmi commessi, che contra-
    fanno le storie dipinte di chiaroscuro; e questo ha causato il deside-
    rio ardentissimo di volere che e' resti nel mondo a chi verrà dopo,
    se pure si spegnessero l'altre spezie della pittura, un lume che tenga
    accesa la memoria de' pittori moderni; e così hanno contrafatto con
10   mirabile magisterio storie grandissime, che non solo si potrebbono
    mettere ne' pavimenti dove si camina, ma incrostarne ancora le facce
    delle muraglie e d'i palazzi, con arte tanto bella e meravigliosa che
    pericolo non sarebbe che 'l tempo consumasse il disegno di coloro
    che sono rari in questa professione; come si può vedere nel Duomo di
15   Siena, cominciato prima da Duccio Sanese e poi da Domenico
    Beccafumi, a' di nostri seguitato et augumentato. Questa arte ha tanto
    del buono, del nuovo e del durabile, che per pittura commessa di
    bianco e nero poco più si puote desiderare di bontà e di bel[l]ezza.
- pagina 152 -

Edizione Torrentiniana
   
CapitoloXXX
20  
De le istorie e de le figure che si fanno di commesso ne' pavi-
   
menti ad imitazione delle cose di chiaro e scuro.
    Hanno aggiunto i nostri moderni maestri al musaico di pezzi piccioli
    un'altra specie di musaici di marmi commessi, che contrafanno le storie
    dipinte di chiaroscuro; e questo ha causato il desiderio ardentissimo di
25   volere che e' resti nel mondo a chi verrà dopo, se pure si spegnessero le
    altre spezie della pittura, un lume che tenga accesa la memoria de' pit-
    tori moderni; e così hanno contrafatto con mirabile magisterio storie
    grandissime, che non solo se ne potrebbe mettere ne' pavimenti dove si
    camina, ma incrostarne ancora le facce delle muraglie e d'i palazzi, con
30   arte tanto bella e maravigliosa che pericolo non sarebbe che 'l tempo con-
    sumasse il disegno di coloro che sono rari in questa professione; come si
    può vedere nel Duomo di Siena, cominciato prima da Duccio Sanese e poi
    da Domenico Beccafumi, a' dì nostri e seguito et augumentato. Questa
    arte ha tanto del buono, del nuovo e del durabile, che per pittura com-
35   messa di bianco e nero poco più si puote desiderare di bontà e di bellezza.
- pagina 152 -
pagina precedentepagina successiva

Selezione esplicita di una pagina

Volume:
Pagina:
Testi Consultabili | Indice dell'Opera | Nuova Ricerca | Legenda