Volume 1

Edizione Giuntina
    E questo è il vero modo di condurre tali opre a fine; e finite, si può
    a quelle fare ornamenti di pietre fini, di mistî e d'altri marmi, le quali
    si rendono durabili in infinito, purché con diligenza siano lavorate;
    e possonsi e non si possono vernicare, come altrui piace, perché la
5   pietra non prosciuga, cioè non sorbisce quanto fa la tavola e la tela, e si
    difende da' tarli, il che non fa il legname.
   
CapitoloXXV
   
Del dipignere nelle mura di chiaro e scuro di varie terrette, e come
   
si contrafanno le cose di bronzo; e delle storie di terretta per archi
10  
o per feste a colla, che è chiamato a guazzo, et a tempera.
    Vogliono i pittori che il chiaroscuro sia una forma di pittura che
    tragga più al disegno che al colorito, perché ciò è stato cavato da le
    statue di marmo, contrafacendole, e da le figure di bronzo et altre
    varie pietre. E questo hanno usato di fare nelle fa[c]ciate de' palazzi
15   e case in istorie, mostrando che quelle siano contrafatte e paino di
    marmo o di pietra con quelle storie intagliate, o veramente contra-
    facendo quelle sorti di spezie di marmo e porfido e di pietra verde e
- pagina 139 -

Edizione Torrentiniana
    E questo è il vero modo di condurre tali opre a fine; e finite, si può a
    quelle fare ornamenti di pietre fini, di mistî e d'altri marmi, le quali si
20   rendono durabili in infinito, purché con diligenza siano lavorate; e pos-
    sonsi e non si possono vernicare, come altrui piace, perché la pietra non
    prosciuga, cioè non sorbisce quanto fa la tavola e la tela.
   
CapitoloXXV
   
Del dipingere nelle mura di chiaro e scuro di varie terrette, e
25  
come si contrafanno le cose di bronzo; e delle storie di terretta
   
per archi o per feste a colla, che è chiamato
   
a guazzo, et a tempera.
    Vogliono i pittori che il chiaroscuro sia una forma di pit[t]ura che trag-
    ga più al disegno che al colorito, ché ciò è stato cavato da le statue di
30   marmo, contrafacendole, così dalle figure di bronzo et altre varie pietre.
    E questo hanno usato di fare nelle fac[c]iate de' palazzi e case in
    istorie, mostrando che quelle siano contrafatte e paino di marmo o di
    pietra con quelle storie intagliate, o veramente contrafacendo quelle
    sorti di specie di marmo e porfido e di pietra verde e granito rosso e bigio
- pagina 139 -
pagina precedentepagina successiva

Selezione esplicita di una pagina

Volume:
Pagina:
Testi Consultabili | Indice dell'Opera | Nuova Ricerca | Legenda