Volume 1

Edizione Giuntina
    vengono i colori apannati da quello ritoccar di sopra, e con poco spa-
    zio di tempo diventano neri. Però quegli che cercano lavorar in muro,
    lavorino virilmente a fresco e non ritoc[c]hino a secco, perché, oltra
    l'esser cosa vilissima, rende più corta vita alle pitture, come in altro
5   luogo s'è detto.
   
CapitoloXX
   
Del dipignere a tempera overo a uovo su le tavole o tele,
   
e come si può usare sul muro che sia secco.
    Da Cimabue in dietro e da lui in qua s'è sempre veduto opre lavo-
10   rate da' Greci a tempera in tavola et in qualche muro. Et usavano
    nello ingessare delle tavole questi maestri vecchi, dubitando che quelle
    non si aprissero in su le commettiture, mettere per tutto, con la colla
    di carnicci, tela lina e poi sopra quella ingessavano per lavorarvi
    sopra, e temperavano i colori da condurle col rosso dello uovo o tem-
15   pera, la qual è questa: toglievano uno uovo e quello dibattevano, e
    dentro vi tritavano un ramo tenero di fico, acciò che quel latte con
    quel uovo facesse la tempera de' colori, i quali con essa temperando,
- pagina 130 -

Edizione Torrentiniana
    muro non fa il suo corso di mostrare la chiarezza, vengono i colori apan-
    nati da quello ritoccar di sopra, e con poco spacio di tempo diventano neri.
20   Però quegli che cercano lavorar in muro, lavorino virilmente a fresco e non
    ritoc[c]hino a secco, perché, oltra l'esser cosa vilissima, rende più corta
    vita alle pitture.
   
CapitoloXX
   
Del dipignere a tempera overo a uovo su le tavole o tele, e
25  
come si può usare sul muro che sia secco.
    Da Cimabue in dietro e da lui in qua s'è sempre veduto opre lavorate
    da' Greci a tempera in tavola et in qualche muro. Et usavano nello inges-
    sare delle tavole questi maestri vecchi, dubitando che quelle non si apris-
    sero in su le committiture, mettere per tutto, con la colla di carnicci, tela
30   lina e poi sopra quella ingessavano per volere lavorarvi sopra, e tempera-
    vano i colori da condurle col rosso dello uovo o tempera, la qual è questa:
    toglievano uno uovo e quello dibattevano, e dentro vi tritavono un ramo
    tenero di fico, acciò che quel latte con quel uovo facesse la tempera de'
    colori, i quali con essa temperando, lavoravono l'opere loro. E toglievano
- pagina 130 -
pagina precedentepagina successiva

Selezione esplicita di una pagina

Volume:
Pagina:
Testi Consultabili | Indice dell'Opera | Nuova Ricerca | Legenda