Volume 1

Edizione Giuntina
    sodetto, et attorno alla figura si va acconciandolo, che faccia quelle
    pieghe et amaccature che l'animo gli porge; di che, secco, verrà a
    indurarsi e manterrà di continuo le pieghe. In questo modo si con-
    ducono a fine i modelli e di cera e di terra.
5   Volendo ringrandirlo a proporzione nel marmo, bisogna che nella
    stessa pietra onde s'ha da cavare la figura sia fatta fare una squadra,
    che un dritto vada in piano a piè della figura e l'altro vada in alto
    e tenga sempre il fermo del piano, e così il dritto di sopra; e simil-
    mente un'altra squadra o di legno o d'altra cosa sia al modello, per
10   via della quale si piglino le misure da quella del modello quanto
    sportano le gambe fora e così le braccia; e si va spignendo la figura in-
    dentro con queste misure, riportandole sul marmo dal modello, di
    maniera che misurando il marmo et il modello a proporzione, viene
    a levare della pietra con li scarpelli, e la figura a poco a poco misurata
15   viene a uscire di quel sasso nella maniera che si caverebbe d'una pila
    d'acqua, pari e diritta, una figura di cera, che prima verrebbe il corpo
    e la testa e [le] ginocchia, et a poco a poco scoprendosi et in su tiran-
    dola, si vedrebbe poi la ritondità di quella fin passato il mez[z]o, e in
    ultimo la ritondità dell'altra parte. Per che quelli che hanno fretta a
- pagina 90 -

Edizione Torrentiniana
20   non liquidamente ma di un loto che sia alquanto sodetto, et attorno alla
    figura si va acconciandolo, che faccia quelle pieghe et amaccature che
    l'animo gli porge; di che, secco, verrà a indurarsi e manterrà di continuo
    le pieghe. In questo modo si conducon a fine i modelli e di cera e di terra.
    Volendo ringrandirlo a proporzione nel marmo, bisogna che nella
25   stessa pietra onde s'ha da cavare la figura sia fatta fare una squadra,
    che un dritto vada in piano a piè della figura e l'altro vada in alto e
    tenga sempre il fermo del piano, e così il dritto di sopra; e similmente
    un'altra squadra o di legno o d'altra cosa sia al modello, per via della
    quale si piglino le misure da quella del modello quanto sportano le gam-
30   be fora e così le braccia; e si va spignendo la figura indentro con queste
    misure, riportandole sul marmo dal modello, di maniera che misurando
    il marmo et il modello a proporzione, viene a levare della pietra con
    li scarpelli, e la figura a poco a poco misurata viene a uscire di quel
    sasso nella maniera che si caverebbe d'una pila d'acqua, pari e diritta,
35   una figura di cera, che prima verrebbe il corpo e la testa e le ginocchia,
    et a poco a poco scoprendosi et in su tirandola, si vederebbe poi la riton-
    dità di quella fin passato il mez[z]o, et in ultimo la ritondità dell'altra
    parte. Per che quelli che hanno fretta a lavorare e che bucano il sasso
- pagina 90 -
pagina precedentepagina successiva

Selezione esplicita di una pagina

Volume:
Pagina:
Testi Consultabili | Indice dell'Opera | Nuova Ricerca | Legenda